Categorie: Gabriele tra noi Lascia un commento

LA GIUSTIZIA SOCIALE

Come si realizza la giustizia sociale all’interno di una comunità? Dopo i principi generali il Catechismo dei Giovani (YouCat) passa alla verifica dell’applicazione degli stessi affinché non siano ridotti a mere affermazioni teoriche. “La giustizia sociale si ha quando viene rispettata l’irrinunciabile dignità di ogni singolo uomo e vengono conservati ed esercitati senza limitazioni i diritti che ne derivano; rientra in questo anche il diritto alla partecipazione attiva alla vita politica, economica e culturale della società”(YC 329).

Caro Amico, cara amica che mi stai seguendo, ti chiedo di rileggere con attenzione queste affermazioni. Esse riconducono a un argomento sensibile, oggetto di numerose discussioni sia in ambito politico che sindacale poiché riguardano il rapporto tra datore di lavoro e dipendente, tra colui che assume e colui che è assunto, nel rispetto dei diritti e dei doveri  di ogni attività lavorativa e professionale. Giovanni Paolo II, nella Sollicitudo Rei Socialis, Lettera Enciclica del 1987, aveva ribadito con forza che il fondamento di ogni giustizia è da ricercare nel rispetto della dignità dell’uomo la cui difesa e promozione ci sono state affidate dal Creatore, e di cui sono rigorosamente e responsabilmente debitori gli uomini e le donne di ogni congiuntura della storia.

In altre parole è la stessa dignità di ogni persona a contenere in sé l’esistenza di diritti umani che nessuno stato può modificare, né ancor più abolire. Gli stati e i governi autoritari che si arrogano tale potere sfociano in regimi totalitari e ingiusti che mantengono il controllo solo con la forza o con la violenza, perdendo, però, la legittima autorevolezza. Sono regimi dispotici che, avendo conquistato il potere con la sopraffazione, lo conservano ricorrendo facilmente al maltrattamento di quanti non ne riconoscono la legittimità, ignorando e/o calpestando i diritti fondamentali alla libertà, alla vita, alla partecipazione responsabile della vita pubblica.

“Una società giunge alla sua perfezione non con le leggi, ma con l’amore del prossimo, che considera tutti coloro che ci sono prossimi come un altro io” ed è quanto leggiamo nella Costituzione pastorale Gaudium et Spes (n. 27). Caro amico/a mentre scrivo queste mie considerazioni, mi auguro di stabilire un dialogo con te personalmente. Un dialogo finalizzato alla presa di coscienza non di verità teoriche, astratte, ma incarnate nella nostra esperienza umana e nella nostra condizione di persone che condividono la responsabilità e la gioia di essere parte viva di una società e di una comunità alle quali dobbiamo offrire il nostro contributo.

Da queste iniziali riflessioni scaturiscono alcune considerazioni di grande attualità: ciascuno è responsabile del destino del proprio fratello. Tutti dobbiamo riconoscere la dignità del proprio simile. Nessuno può aspirare ad affermare il proprio potere a qualsiasi costo, con ogni mezzo e a qualunque prezzo. In poche frasi, caro amico che mi leggi, puoi ritrovare riferimenti concreti ad episodi incresciosi che, purtroppo, sono riconducibili a forme di comportamento sociali negative ed intenzionali quali l’arroganza e il “bullismo”. Nelle relazioni personali e, in particolare, nelle realtà educative (scuola, associazioni, gruppi di amici) non siano sottovalutate tutte le manifestazioni di non rispetto della dignità di ogni persona, in particolare delle più fragili o indifese, poiché frutto di una cultura e di una mentalità, che respingono o non riconoscono una verità che è il fondamento stesso della vita sociale e, ancor più della rivelazione biblica: ogni creatura è immagine e somiglianza di Dio!

Caro amico/a, ti ricordo ancora di seguire la preparazione al Sinodo dei Giovani (www.vatican.va.sinodogiovani) e mi auguro che tu sia già informato delle iniziative programmate dalla tua parrocchia o dalla tua diocesi per approfondire il tema della Giornata Mondiale della Gioventù proposto da papa Francesco: riflessione, preghiera e discernimento sul tuo futuro! Una scelta non sempre facile né tanto meno scontata, ma sempre sostenuta dalla fede e nella ricerca della volontà di Dio! Sai bene che abbiamo un grande amico, che ha compiuto questo cammino prima di noi ed ora è nostro esempio e compagno di viaggio: il giovane Francesco Possenti (alias Gabriele dell’Addolorata), affidati a lui e con lui impara a scegliere l’esperienza più bella delle fede. Viviamo questo tempo di Pasqua nel Cenacolo con Maria e gli apostoli nell’attesa dello Spirito Santo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *